LO SAPEVI CHE...

Consigli di giardinaggio per il mese di Settembre…

Consigli di giardinaggio per il mese di Settembre…

Settembre e’ il mese del “rientro”, dei buoni propositi, un’occasione per riordinare i pensieri, la vita, la casa e … le piante. Che abbiate un giardino o delle piante in vaso, sicuramente le avete trovate un po’ spente, approfittate dunque delle temperature ancora miti per eseguire ancora le attivita’ che vi hanno tenuto impegnate all’inizio della primavera, potare, innaffiare e concimare. Infatti, soprattutto quando il caldo si prolunga e nelle regioni del centro, è ancora opportuno procedere ad innaffiature regolari e a concimare regolarmente sia le piante in vaso che le aiuole. Se l’autunno sarà mite potete prolungare le fioriture semplicemente tagliando i rami appassiti e sfoltendo le piante, le rose rifiorenti, ad esempio, se tagliate tutti i boccioli appassiti o i rami sporgenti, possono continuare a fiorire anche fino ad ottobre inoltrato. Anche il manto erboso deve ancora essere regolarmente falciato (ideale tagliarlo una volta alla settimana) ed innaffiato.

COME RINVIGORIRE LE PIANTE

L’estate è il momento di massimo splendore per le nostre piante, ma la siccità è sempre in agguato. Inoltre al ritorno delle vacanze si possono trovare brutte sorprese: l’impianto di irrigazione non ha funzionato come avrebbe dovuto oppure la vicina tanto disponibile poi di fatto è partita in vacanza anche lei perché all’improvviso l’ ha contattata una cugina lontana..
Non è comunque troppo tardi per far tornare le nostre piante in piena forma.

Consiglio n.1 tagliate tutti i rami che a causa della siccità si sono seccati. Darete un aspetto meno deprimente alla pianta e le darete la possibilità di convogliare la sua forza sui rami rimasti integri.
Consiglio n.2 lavate le foglie per eliminare la polvere e nebulizzate spesso, soprattutto se vedete che, a causa della siccità la terra è molto secca.
Consiglio n. 3 se vedete che alcune piante soffrono perché sono troppo strette nei vasi, non esitate a rinvasarle in un contenitore più grande. L’importante è che il vaso nuovo non sia troppo grande rispetto al precedente e soprattutto che, nell’effettuare l’attività, le radici restino compatte in modo da non creare traumi alla pianta. prato è verde, ma presenta alcune chiazze di erba secca.
Consiglio n. 4 se avete piante in vaso che hanno preso una forma strana la colpa potrebbe essere dell’esposizione. Le piante infatti cercano la luce e per questo la parte all’ombra potrebbe essere meno sviluppata di quella al sole. In questo caso, ruotatele e cambiate loro posizione fino a trovare quella che favorisce uno sviluppo armonico della chioma.

INFOLTIRE IL PRATO

Al rientro dalle vacanze, soprattutto dopo un’estate torrida, il nostro praticello può apparire desolato. Che fare? Una spianata di cemento? Prima di decidere definitivamente che il giardinaggio non fa per noi e cercare un nuovo hobby, proviamo a seguire alcuni consigli.  Le attività da intraprendere per infoltire il prato variano a seconda della gravità della situazione. Immaginiamo alcuni casi:
1. Il prato è verde, ma presenta alcune chiazze di erba secca. Per ogni area secca, smuovete con una zappa e livellate il terreno con il rastrello. Spargete il seme misto a torba e appiattite con la pala o con il rullo. Inaffiate almeno due volte al giorno finché non vedete spuntare l’erba
2. Il prato è verde, sono cresciute le erbe infestanti. Rimuovete le erbacce con la zappa o la vanga e procedete alla semina delle aree che si sono create con le stesse modalità di cui al punto 1.
3. Hanno vinto le erbe infestanti. Questo è il caso più grave. Potete in questo caso utilizzare un diserbante e poi procedere nuovamente alla semina del prato. Se avete optato per il diserbante, fatevi seguire da un esperto, si tratta infatti di un metodo che, per essere efficace, deve essere attuato seguendo precise istruzioni. Se siete alle prime armi, rimboccatevi le maniche ed eliminate le erbe infestanti a mano, aiutandovi con un estirpatore.
In autunno per fertilizzare il prato è opportuno utilizzare un concime ad azione progressiva, che sia attivo almeno per 4 mesi

CURA DELL’ORTO

E’ ancora possibile che le vostre piante abbiano frutti e fiori, quindi, continuate con buona volontà ad innaffiarle, a concimarle e soprattutto, se vi siete avventurate nella coltivazione dell’orto in vasi su terrazzi e balconi, ricordate di aggiungere spesso alla terra del nuovo terriccio in modo che le vostre piantine abbiano sempre le sostanze nutritive necessarie.